Europrogettazione

Progetti Europei: un investimento per i giovani

Perchè è così importante per i giovani europei il mondo dell’Europrogettazione? Perchè partecipando ad un progetto promosso dall’Unione Europea si hanno più possibilità di trovare un’occupazione ed ampliare i propri orizzonti?

Progetti europei per i giovani: credere nelle nuove generazioni

Tra gli scopi più importanti dei progetti europei c’è quello di generare per i giovani più possibilità occupazionali, di inclusione e sviluppo (seguendo gli obiettivi della strategia Europa 2020), investendo nel loro potenziale.

Studiare e fare volontariato in Europa

  • progetto Erasmus: gli studenti Erasmus hanno il doppio delle probabilità di trovare lavoro al termine degli studi. Nell’ambito della formazione, al termine del soggiorno Erasmus un partecipante su tre ottiene un’offerta di lavoro nell’impresa in cui ha svolto la formazione ed uno su dieci ne crea una propria. Col tempo, il programma Erasmus si è unito ad altri, diventando così «Erasmus+». Il bilancio UE ha stanziato circa 14,7 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 in cui circa 4 milioni di europei avranno la possibilità di studiare, lavorare e apprendere una professione all’estero;
  • progetto Corpo Europeo della solidarietà: nel 2016 la Commissione Europea ha istituito il nuovo programma che
    vuole incoraggiare e promuovere la solidarietà dei giovani europei prestando servizio di volontariato, svolgendo un apprendistato, un tirocinio o un vero e proprio impiego per un periodo compreso tra due e dodici mesi in un paese europeo. I partecipanti ricevono o un regolare stipendio o la copertura delle spese di viaggio e di soggiorno, oltre all’alloggio e ad un importo in denaro per le piccole spese. Nel maggio 2017 la Commissione ha presentato una proposta per destinare più di 340 milioni di euro al corpo di solidarietà dell’UE e nel giugno 2018 c’è stata una proposta di 1,26 miliardi di euro per dare la possibilità a più giovani di vivere questa esperienza dopo il 2020.

Programma occupazionale

  • progetto Garanzia Giovani: dinanzi al problema della disoccupazione giovanile, aggravata dalla crisi, nei paesi dell’Europa meridionale (come Italia, Grecia e Spagna)  l’UE ha deciso di intervenire attraverso questo programma che permette ai giovani di trovare un impiego, tirocinio, formazione o apprendistato per un periodo di tempo per lanciarsi nel mercato del lavoro e rendere più agevole la loro realizzazione professionale. A tal fine l’UE ha stanziato circa 6,4 miliardi di euro fino al 2018, a cui si aggiungeranno altri 2 miliardi di euro fino al 2020.

Investire in ricerca e cultura

  • progetto  Horizon 2020: spesso il successo economico è frutto di progetti innovativi e di nuove idee. Per tenere il passo con la concorrenza mondiale sulle idee, l’UE stanzia miliardi di euro per sostenere le attività di ricerca, spesso realizzate da équipe internazionali destinando circa 80 miliardi di euro per la ricerca. Il programma Horizon 2020 ne è un esempio;
  • progetto Europa Creativa: in Europa il settore culturale e creativo dà lavoro a oltre sette milioni di persone. Principale strumento dell’UE per la promozione della cultura è il programma «Europa creativa», che dispone di una dotazione di 1,46 miliardi di euro fino al 2020, destinati a rafforzare il settore culturale e creativo del continente. Il programma si compone di due sottoprogrammi, Cultura e Media, e promuove tournée internazionali ed esposizioni, ma anche traduzioni di opere letterarie e la formazione di giovani artisti.

(Fonte 60 buone ragioni per cui abbiamo bisogno dell’Unione Europea)

 

Per  diventare esperto nel settore, partecipa ad uno dei corsi di europrogettazione.

share